IL-40 Brawny P – Amodel 1/72

0
67
IL 40 P Gianni B

IL-40 Brawny P

Amodel – 1/72

 

IL 40 P Gianni B

 

UN PO’ DI STORIA

Dell’IL-40 Brawny P non conoscevo nemmeno l’esistenza e quando l’ho visto per la prima volta su FB, considerando la mia passione per i prototipi, mi sono detto: “accidenti che bello! Se ci fosse il modello lo comprerei subito”.

Chiacchierando poi con l’amico Diego, che conosce tutto quanto esiste nel settore della produzione modellistica, mi ha detto: guarda che c’è una ditta che lo fa… A quel punto gli ho detto: “procuramelo!”.

Quando è arrivato ho pensato che fosse in scala 1/48, tanto è grande come dimensioni e invece è in 1/72. Il modello riproduce un prototipo russo del 1953 pensato per l’attacco al suolo. Il primo prototipo aveva il muso diverso, molto più elegante, tutto chiuso su cui era installato l’armamento di 6 cannoni da 23 mm, mentre le prese d’aria erano in posizione mediana, sui fianchi alla radice delle ali.

Durante le prove di tiro però si constatò che i fumi dei cannoni venivano risucchiati dalle prese d’aria dei motori e causavano il loro malfunzionamento (fino anche allo spegnimento); fu così deciso di modificare radicalmente la forma del muso, arrivando a questa conformazione finale.

I cannoni furono ridotti a quattro nelle radici alari e 1 posteriore comandato a distanza da un operatore posto dietro il seggiolino del pilota. Ne furono prodotti sei esemplari e poi il progetto venne abbandonato.

 

IL KIT

Il modello della Amodel, come detto, è di ragguardevoli dimensioni e le stampate, in negativo, non sono male. La fusoliera è suddivisa in tre tronconi: muso due metà in orizzontale, motori due metà in orizzontale e la fusoliera divisa a metà in verticale; ci sono poi semiali, quindi la deriva, i timoni di profondità e in coda alla fusoliera la torretta sferica con l’arma da 23 mm.

Sulle semiali ci sono le quattro alette anti-scorrimento, da assottigliare assolutamente, mentre i due abitacoli sono praticamente spogli: solo i seggiolini e un simulacro di cruscotto. Comunque, una volta messi i tettucci non si vede praticamente niente dell’interno.
Nelle prese d’aria c’è una riproduzione delle turbine sul fondo e sugli scarichi è praticamente tutto chiuso con una riproduzione del cono di scarico, orribile. I carrelli e le ruote non sono male.

 

IL MONTAGGIO

Il montaggio non è stato malvagio ma ha richiesto stuccature a go-go, specialmente sull’unione fusoliera superiore con il troncone “prese d’aria/parte terminale con scarichi. Non bisogna dimenticare di appesantire, parecchio, il muso con dei piombini.

Sugli scarichi ho fatto un minimo di miglioramento con un tubetto di adeguate dimensioni, e sul fondo, con filo di rame, ho fatto due anelli collegati da un triangolo, sempre in rame. Ho tenuto il cono di scarico e tenuto sul tubetto sempre con un triangolo di filo di rame.

La parte peggiore però sono i tettucci: non corrispondono alle misure della fusoliera: sono più alti e più larghi, bisogna lavorare di lima e carta vetrata, cercando di non rovinarli.     Una volta montato e stuccato per bene, specialmente i tettucci, ho levigato e ripassato le incisioni prima di passare alla verniciatura.

 

LA VERNICIATURA

Essendo un prototipo è tutto in metallo naturale, di varie tonalità.
Ho dato un fondo grigio uniforme medio e mascherato i vari pannelli usando lo stesso grigio di fondo schiarito, più volte col bianco e poi col nero più volte.
Terminate le mascherature, lavoro lungo, ho passato l’alluminio Alclad in modo uniforme e molto leggero, osservando via via l’effetto, fino a quando non mi è sembrato adeguato.

Una volta asciugato ho steso il lucido Alclad Aqua Gloss, posizionato le uniche decals (8 stelle) per poi rifinire con un opaco sempre Alclad. Successivamente ho posizionato i carrelli e i portelli, finendo con la riproduzione dei quattro cannoni alari e il posizionamento della torretta caudale.

Nel complesso, una volta finito, si presenta un bel modello, elegante nelle sue linee nonostante le prese d’aria da… “doppietta”.

Gianni Besenzon
Vedi tutte le attività di Gianni Besenzon